I 20 temi

Tema
13/20
 

Introdurre il salario sociale per tutti i cittadini in assenza di reddito, a prescindere da altri requisiti (nazionalità, livello sociale, inserimento o meno in percorso di formazione e l'aver lavorato nei 24 mesi precedenti).

Il salario sociale è una forma di sostegno economico per i giovani, i disoccupati o i precari che non superino una certa soglia di reddito. 22 dei 28 stati membri dell'Unione Europea hanno una qualche forma di reddito minimo garantito. Le 6 eccezioni sono: Austria, Cipro, Danimarca, Finlandia, Italia e Svezia. In Italia attualmente il tema è molto dibattuto in parlamento, ma anche localmente l'argomento sta entrando sempre di più nelle campagne elettorali.

Pro Disoccupazione, precarietà e bassi stipendi hanno già abbattuto la domanda interna e stanno mettendo in ginocchio famiglie e imprese non esportatrici. Il salario sociale per tutti i cittadini in assenza di reddito è una misura di contrasto alla povertà, in grado di restituire dignità alle persone in difficoltà e favorire la ripresa economica permettendo alle persone di accedere ai consumi basilari e riqualificarsi.

Contro È una misura costosa e assistenzialista il cui messaggio implicito sarebbe: non c’è bisogno che lavoriate e vi diate da fare, c’è qualcuno che ci pensa per voi. Si tratta di un enorme investimento economico che rischia di favorire il parassitismo, invece che sostenere una reale ripresa economica. Le casse comunali sono già in ristrettezze, questi programmi peggiorerebbero solo la situazione.

La posizione dei nostri 2.641 utenti sul tema
Le percentuali non sono statisticamente significative
AMURA
AMURA
Contrario/a Leggi il commento del candidato sindaco
i comunisti chiedono e pretendono lavoro ... non elemosine... in Germania il cosiddetto reddito di cittadinanza ha prodotto ben 7,5 milioni di lavoratori precari...
BRAMBILLA
BRAMBILLA
Tendenzialmente contrario/a
DE MAGISTRIS
DE MAGISTRIS
Tendenzialmente favorevole
ESPOSITO
ESPOSITO
Tendenzialmente contrario/a Leggi il commento del candidato sindaco
Sono più per il lavoro e la degna occupazione, mettere in moto l'economia rendendo produttivi tutti può solo migliorare la qualità della vita di tutti...garantendo ovviamente i giusti diritti a chi vive uno stato di degrado sociale. La nostra amministrazione lavorerà intensamente per dare a tutti i cittadini napoletani le giuste opportunità.
LETTIERI
LETTIERI
Molto favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
Istituirò il Reddito di sostegno sociale destinato ad ogni capofamiglia over 50, residenti a Napoli che hanno perso il lavoro e terminato l’eventuale periodo di mobilità. La misura prevede 600 euro al mese per 18 mesi e sarà prorogabile per ulteriori 18 mesi. Il provvedimento sarà coperto con risorse del fondo europeo per il sostegno sociale. Nel periodo di copertura del Reddito di sostegno sociale, inoltre sarà possibile presentare progetti di accesso a finanziamenti della Banca per il microcredito a vocazione territoriale per creare attività in proprio.
VALENTE
VALENTE
Tendenzialmente contrario/a Leggi il commento del candidato sindaco
Sarebbe una bella misura, ma non è compatibile con l'attuale stato finanziario del Comune di Napoli. Chi fa questa proposta, fa demagogia.