I 20 temi

Tema
10/20
 

Aumentare sia le giornate con blocco delle auto (con mezzi pubblici gratis), sia allargare le zone coperte da traffico limitato, per evitare superamento delle soglie di inquinamento.

Il Decreto Legislativo 15/2010 pone come limite per la concentrazione di PM10 il valore di 50 µg/m3 come media giornaliera da non superare per più di 35 volte in un anno. Per il report annuale di Legambiente "Mal'aria", su 90 città monitorate nel 2015 ben 48 (il 53%) hanno superato la soglia dei 35 giorni. Un problema evidente che mette a rischio la vita, e la qualità della vita, dei cittadini italiani. Ogni anno, soprattutto d'inverno e nelle grandi città, torna l'emergenza per il superamento della soglia consentita, costringendo i sindaci ad adottare misure temporanee ad hoc. Nel corso degli anni sono stati scelti vari interventi, dal blocco totale del traffico (anche in giorni lavorativi), all'abbassamento del riscaldamento nei condomini.

Pro È inutile aspettare sempre l’ultimo momento, vivere “in emergenza” per un paio di settimane l’anno e non affrontare mai realmente il problema. L’inquinamento va gestito in modo costante, con interventi permanenti. Aumentare le giornate senza auto, e allargare le zone a traffico limitato, sono due scelte coraggiose che limitano il rischio di superare le soglie consentite per legge. Tutti possiamo sacrificare un po' della nostra libertà di movimento per avere una mobilità più sostenibile e favorire così un’aria più pulita. Un sindaco che mette in calendario i giorni di blocco delle auto e allarga le zone a traffico limitato, è un sindaco che ha a cuore il futuro dell'ambiente e la salute dei cittadini.

Contro Queste due misure, e in particolare l'allargamento delle ztl, danneggiano fortemente gli esercizi commerciali del centro. Limitare il traffico in certe zone ostacola l'afflusso della possibile clientela nei negozi. Inoltre è assurdo pensare che questi rimedi possano contribuire realmente a migliorare la situazione ambientale delle nostre città. Ancora una volta la politica cerca di rimediare a errori del passato facendo ricadere il peso di certe scelte solo sui cittadini. Fermare le macchine una volta al mese e allargare le ztl non sono soluzioni a lungo termine. Vanno messe in atto politiche più coraggiose e di più ampio raggio.

La posizione dei nostri 2.641 utenti sul tema
Le percentuali non sono statisticamente significative
AMURA
AMURA
Tendenzialmente favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
ma senza danneggiare la mobilità concreta di lavoratori, studenti e pensionati
BRAMBILLA
BRAMBILLA
Favorevole
DE MAGISTRIS
DE MAGISTRIS
Tendenzialmente favorevole
ESPOSITO
ESPOSITO
Tendenzialmente favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
il tutto va pianificato con molta cura per evitare ulteriori disagi
LETTIERI
LETTIERI
Tendenzialmente contrario/a Leggi il commento del candidato sindaco
Aumentare le giornate con blocco delle auto è solo un palliativo perchè l'inquinamento maggiore a Napoli arriva dal porto. E' necessario meccanizzare il sistema di attraccaggio delle navi. Nello stesso tempo metteremo in circolazione 600 nuovi bus ecologici.
VALENTE
VALENTE
Tendenzialmente favorevole Leggi il commento del candidato sindaco
Vanno allargate le Ztl, ma con intelligenza a raziocinio, per migliorare la qualità della vita nei quartieri. L'inquinamento si combatte migliorando l'efficienza energetica degli immobili, dei mezzi pubblici e (nel caso di Napoli) elettrificando il Porto. Il blocco del traffico è un provvedimento tampone che va usato, ma solo eccezionalmente